Glossario

Amministrazione ceduta

Datore di lavoro del cliente. Diventa terza debitrice ceduta quando, in seguito alla stipula di un finanziamento con cessione del quinto, è obbligata ad effettuare le trattenute sulla retribuzione del dipendente e a versarle alla finanziaria.

Amministrazione delegata

In caso di prestito con delega, è il datore di lavoro incaricato dal cliente (delegante) a trattenere le quote della retribuzione ed a versarle mensilmente alla società finanziaria (delegataria). 

Anzianità di servizio

Periodo lavorativo maturato all'interno della stessa azienda.

Capitale lordo mutuato

Somma complessiva finanziata, comprensiva di tutti i costi previsti contrattualmente, per la quale è stabilito il rimborso mensile.  

Cedente

Cliente che stipula un finanziamento con cessione del quinto dello stipendio, per il cui rimborso cede alla società finanziaria  una quota della propria retribuzione per un periodo di tempo corrispondente alla durata del contratto.

Certificato di stipendio

Dichiarazione, rilasciata dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico, che conferma i dati del cliente e riporta le informazioni essenziali del rapporto di lavoro/pensione, quali netto mensile, quinto cedibile, eventuali vincoli già presenti.
 

Cessionario

Società Finanziaria/Banca che eroga il finanziamento assumendo quale modalità di estinzione la cessione del quinto dello stipendio 

Costo del credito

Somma dei costi - interessi, commissioni, imposte, copertura assicurativa - che il cliente deve pagare in relazione al contratto di finanziamento stipulato. Tutti i costi sono già compresi nell'importo della rata mensile.
 

Delegante

Cliente che, in seguito alla stipula di un finanziamento mediante delegazione di pagamento, conferisce al datore di lavoro (delegato) un mandato irrevocabile a trattenere le quote della retribuzione mensile ed a versarle alla società finanziaria.  

Estinzione anticipata

Facoltà di estinguere anticipatamente il finanziamento in corso di ammortamento rimborsando in un'unica soluzione il valore residuo del capitale lordo mutuato, al netto degli interessi per il periodo non utilizzato. 
 
I dettagli sulle modalità di richiesta di estinzione sono visibili alla pagina
http://www.prestitalia.it/assistenza-clienti/estinzione.
 

I.S.C. - Indicatore sintetico di costo

E' il costo totale del credito a carico del cliente. Viene calcolato in conformità alla vigente disciplina sul calcolo del T.A.E.G. 

Istruttoria

E' la prima fase del procedimento di erogazione del credito e si caratterizza per la raccolta e l'analisi della documentazione necessaria ai fini del perfezionamento del contratto e della successiva erogazione del finanziamento.  

Mutuatario

Termine generico per indicare colui che contrae il mutuo, sia sotto forma di cessione del quinto dello stipendio che di delegazione di pagamento. 

Netto ricavo

Importo effettivamente percepito dal cliente, al netto degli oneri e delle spese direttamente connesse al finanziamento ed espresse nel costo del credito.

Piano di ammortamento

Piano rateale di rimborso del finanziamento, comprensivo di quota capitale e di interessi.

Quota cedibile (o delegabile)

Parte di stipendio/pensione, al netto della ritenute, che il cliente può cedere (o fare oggetto di delegazione) per ottenere il finanziamento. Nella cessione del quinto è fissata per legge ad un quinto dello stipendio/pensione e  generalmente viene determinata in misura analoga nel caso del prestito assistito da delegazione.

Rata

Importo, stabilito nel piano di ammortamento, da versare periodicamente per la restituzione del finanziamento. Nei casi di prestiti con cessione del quinto o delega di pagamento le rate sono mensili, trattenute dal datore di lavoro/ente pensionistico e versate direttamente alla società finanziaria.
 
 

Rischio impiego

E' il rischio di perdita del lavoro coperto da un’assicurazione obbligatoria per i prestiti con cessione del quinto o delega. Gli oneri di tale assicurazione sono a carico di Prestitalia e garantiscono il finanziamento qualora non sia possibile la continuazione dei pagamenti a causa della perdita d’impiego del richiedente. L’intervento dell’Assicurazione può determinare la surroga della stessa nei diritti di credito del Finanziatore nei confronti del Cliente.

 

Rischio vita

E' il rischio di morte del cliente, coperto da un'assicurazione - obbligatoria per i prestiti con cessione del quinto e delega - a tutela della società finanziaria e degli eredi. Gli oneri di tale assicurazione sono a carico di Prestitalia e garantiscono il finanziamento qualora non sia possibile la continuazione dei pagamenti a causa di decesso del richiedente. 

SECCI

E' l'acronimo che indica il documento - denominato "Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori" - che contiene tutte le informazioni sui contratti e le condizioni praticate dalla finanziaria con l'obiettivo di permettere al cliente di compiere una scelta informata.

T.A.E.G. - Tasso Annuo Effettivo Globale

Indicatore sintetico e convenzionale del costo totale del credito; rende uguale, su base annua, la somma del valore attuale di tutti gli importi che compongono il finanziamento erogato dal creditore alla somma del valore attuale di tutte le rate di rimborso. Calcolato tenuto cono delle spese per assicurazioni e garanzie e degli oneri erariali, giusta comunicazione Banca d'Italia n. 0040 del 22-07-03.  
 
 

T.A.N. - Tasso Annuo Nominale

E' il tasso di interesse espresso in percentuale e calcolato per tutta la durata del prestito. 

T.E.G. - Tasso Effettivo Globale

Indicatore utile ai fini della verifica del rispetto della soglia anti-usura. Viene calcolato tenuto conto, oltre che degli interessi, delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse collegate all'erogazione del credito.